Le piante officinali, così vicine a noi e pronte a darci sostegno in ogni stagione, sono una ricchezza infinita e meravigliosa, che testimonia dell’Amore infinito e rigenerante, insito nella Natura. Da anni ci appassiona la raccolta e l’utilizzo di queste preziosissime risorse per l’equilibrio salutare: in epoche associative, uno dei corsi di cucina era dedicato appunto ad una giornata di escursione e riconoscimento delle erbe spontanee più comuni. Ci si divertiva un sacco e si raccoglieva con attenzione e parsimonia. Ma al ritorno in sede: merende veg-pantagrueliche!

Questa passione non ci vuole abbandonare, fortunatamente.

Quindi….E’ ora di raccogliere la malva per poter beneficiare di tutte le sue proprietà da fresca, così come ci ha insegnato Maria Treben, col suo prezioso libro: “La Salute dalla farmacia del Signore”.

La trovate vicino agli orti, nelle aiuole di città, ed i suoi effetti benefici sulle infiammazioni gastro-intestinali (per via interna: tisana macerata) e sulle irritazioni cutanee (per via esterna, lavaggi con l’acqua di macerazione) sono subitanei.

Unico accorgimento: mai bollirla!

La malva va fatta macerare una notte: sviluppa così una caratteristica mucillagine.

Preparazione: un cucchiaino da dessert colmo di erbe tritate in 1/4 di litro d’acqua (possibilmente: Diamante!).

La mattina seguente filtrare e riscaldare leggermente per berla (in modo da renderla meno mucillaginosa).

Ora tocca a voi! Buone passeggiate… nei boschi limitrofi!

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I accept the Terms and Conditions and the Privacy Policy

Articoli correlati

Buona Festa della Mamma!

Siamo nati dall’amore; l’amore è nostra madre.(Gialal al-Din Rumi) Buona Festa della Mamma! Di tuuuutte le Mamme! Noi vegani siamo particolarmente sensibili a questa festa,

I Legumi e i loro Segreti

Lezione di Cucina Vegan presso il ristorante In Unzaja Ho bisogno di conoscere la storia di un alimento. Devo sapere da dove viene. Devo immaginarmi

Cucinare per la salute In Unzaja.

L’importanza della Scienza Alimentare per In Unzaja. Il 9 agosto 1945 cadde la bomba su Nagasaki. Nessun lavoratore dell’ospedale S. Francesco di Nagasaki, situato a

Lezione di Cucina AntiAtomica

Salvarsi col cibo: la Resistenza in cucina Iniziamo così presso la nostra sede, una serie di Lezioni sulla Cucina 100% vegetale con un’attenzione particolare all’autoproduzione