La Festa della Mamma e la fine della tradizione alimentare.

Domenica 8 maggio 2022: Lezione di Cucina 100% vegatale.

‘I Legumi e i loro segreti’, In Unzaja, Savona (Italy).

“Oggi si dice che ti serve uno speciale apparecchietto da applicare alla TV in modo che i bambini non possano guardare questo o quello. Ai miei tempi, non avevamo bisogno di un simile marchingegno. Mia madre era l’apparecchietto. Fine della storia.”
RAY CHARLES

Un po’ di storia…

Mussolini introdusse la Festa della Mamma, che, inizialmente, veniva chiamata col nome di Giornata nazionale della Madre e del Fanciullo: venne celebrata, per la prima volta, il ventiquattro dicembre del 1933.

Foto archivio Consuelo Bracaglia

La reintroduzione di tale festività, decaduta durante il periodo bellico, avvenne nel 1956 per mano del senatore e sindaco di Bordighera, Raul Zaccari, e del Presidente dell’Ente Fiera del Fiore e della Pianta Ornamentale, Giacomo Pallanca, che celebrarono la festa della mamma durante la seconda domenica di maggio, suggerendo come regalo il mazzo di fiori per aumentarne i consumi, che nel periodo di maggio degli anni Cinquanta furono molto bassi.

Si rivela subito per la trovata commerciale che è. Ma, per assurdo, segna la fine di un’ancestrale eredità di sopravvivenza e dei contenuti educativi che la figura della Madre oggi solo rappresenta:

  • la cura di sé e degli altri
  • la conoscenza alimentare
  • la pulizia di sè e delle cose
  • la salute giornaliera
  • l’organizzazione
  • la manualità
  • il recupero
  • l’economia
  • la comunicazione affettiva
Torte e biscotti 100% Vegan

Da decenni ormai la figura materna sta subendo una riduzione a zero del tempo da dedicare alla trasmissione delle ricette e delle conoscenze che rendono liberi i nostri figli.

Le madri odierne spesso non sono state istruite a loro volta, spinte a valorizzare studio e lavoro dalle loro stesse madri.

Eppure questi sono tempi in cui bisogna insegnare ai figli, ai maschi come alle femmine, come avere cura di sè.

Per questo sono nate le nostre Lezioni di Cucina Vegan in periodo di lock-down: affinché tutti potessero impadronirsi della conoscenza, che libera e dà salute!

Oggi coloro che demandano ai media la soddisfazione di ogni loro esigenza, sono condannati a:

  • un’alimentazione tipo ‘mangime in busta’
  • una salute cagionevole
  • disordini alimentari e psichici
  • dover acquistare ogni cosa
  • non saper risolvere i problemi
  • vivere nel panico
  • non riuscire a chiedere aiuto
Povere galline in batteria: è vita?

Insegnare a saper fare rende noi e le nuove generazioni libere.

Gli sciocchi aspettano il giorno fortunato, ma ogni giorno è fortunato per chi sa darsi da fare.
(Buddha)

Per questo proprio in questa data siamo felici di proporvi la nostra Lezione di Cucina Vegan: ‘I Legumi e i loro segreti’.

Termine delle iscrizioni giovedì 5 maggio ore 22:00.

Per ulteriori info. 342 037 3073

Buone energie!

In Unzaja

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I accept the Terms and Conditions and the Privacy Policy

Articoli correlati

Buona Festa della Mamma!

Siamo nati dall’amore; l’amore è nostra madre.(Gialal al-Din Rumi) Buona Festa della Mamma! Di tuuuutte le Mamme! Noi vegani siamo particolarmente sensibili a questa festa,

I Legumi e i loro Segreti

Lezione di Cucina Vegan presso il ristorante In Unzaja Ho bisogno di conoscere la storia di un alimento. Devo sapere da dove viene. Devo immaginarmi